I.T.T. "Guglielmo Marconi" Bari - Corso serale percorsi di 2° livello

I.T.T. "Guglielmo Marconi" - Bari

Corso serale percorsi di 2° livello

Meccatronica

Articolazione Meccanica e Meccatronica.
Formiamo i migliori tecnici a Sud, in sinergia con le imprese più innovative. Gli esperti nell'alternanza scuola lavoro.

Energia

Articolazione Energia
Competenti sulla produzione e trasformazione di energia e la gestione dei relativi impianti, nel rispetto delle norme di sicurezza dell'ambiente, con speciale attenzione alla tematica delle fonti di energia rinnovabile.

Informatica

Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni.
Un ruolo da protagonisti nella società connessa. C'è lavoro qualificato per tutti e non soltanto per maschi.

  • I percorsi di istruzione di secondo livello sono finalizzati al conseguimento del diploma di istruzione tecnica, professionale e artistica. I percorsi di secondo livello di istruzione tecnica e professionale sono articolati in tre periodi didattici, così strutturati:

    • primo periodo didattico, finalizzato all’acquisizione della certificazione necessaria per l’ammissione al secondo biennio dei percorsi degli istituti tecnici o professionali, in relazione all’indirizzo scelto dallo studente;
    • secondo periodo didattico, finalizzato all’acquisizione della certificazione necessaria per l’ammissione all’ultimo anno dei percorsi degli istituti tecnici o professionali, in relazione all’indirizzo scelto dallo studente;
    • terzo periodo didattico, finalizzato all’acquisizione del diploma di istruzione tecnica o professionale, in relazione all’indirizzo scelto dallo studente.
    I percorsi di secondo livello hanno, rispettivamente, un orario complessivo pari al 70 per cento di quello previsto dai corrispondenti ordinamenti del primo biennio degli istituti tecnici, professionali o dei licei artistici con riferimento all’area di istruzione generale e alle singole aree di indirizzo.
    La frequenza del primo periodo didattico del secondo livello consente l’acquisizione dei saperi e delle competenza previste dai curricula relativi al primo biennio degli istituti di istruzione secondaria tecnica, professionale e artistica, utile anche ai fini dell’adempimento dell’obbligo di istruzione da parte dei giovani adulti (16-18 anni), finalizzato all’assolvimento del diritto-dovere di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 76.
  • L’identità degli istituti tecnici si caratterizza per una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell’Unione europea, costruita attraverso lo studio, l’approfondimento e l’applicazione di linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico ed è espressa da un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese, con l’obiettivo di far acquisire agli studenti, in relazione all’esercizio di professioni tecniche, i saperi e le competenze necessari per un rapido inserimento nel mondo del lavoro, per l’accesso all’università e all’istruzione e formazione tecnica superiore”.
    Tutti gli istituti tecnici hanno la durata di cinque anni e sono suddivisi in due bienni e in un quinto anno, al termine del quale gli studenti sostengono l’esame di Stato e conseguono il diploma di istruzione tecnica, utile ai fini della continuazione degli studi in qualunque facoltà universitaria. Il quinto anno è anche finalizzato ad un migliore raccordo tra la scuola e l’istruzione superiore e alla preparazione all’inserimento nella vita lavorativa.

    Il rapporto con il mondo del lavoro
    Le aziende italiane “domandano” circa 300.000 diplomati tecnici all’anno, contro un output del nostro sistema educativo di circa la metà. Questo significa che chi si iscriverà agli istituti tecnici nei prossimi anni avrà buone prospettive di trovare lavoro, in tempi brevi, con un diploma immediatamente spendibile nell’ambito delle professioni tecniche.

Avatar

"Al Sirio si viveva bene, senza nevrosi, senza assilli illogici. Chi l’ha detto che l’efficienza si misura in quantità di interrogazioni? In balzi oltre la porta dell’aula sullo squillo della campana? In serioso mutismo tra colleghi che fuori dall’istituto non si salutano neppure? In dichiarazioni politicamente corrette pronunciate in scolastichese stretto? In magniloquenti e vacui sfoggi di riunioni di dipartimento, obiettivi trasversali, corsi idei? Si può stare a scuola da esseri umani e con leggerezza, educando e fornendo un servizio alla comunità (non voglio usare l’odiosissima parola territorio): ecco la minima lezione del serale."

PON, 20 milioni per la formazione degli adulti
Fedeli: “Fornire a tutte e tutti le competenze per una piena cittadinanza”

Favorire il rientro nel sistema di istruzione ed il completamento degli studi da parte delle giovani e dei giovani adulti. È l’obiettivo del secondo dei 10 bandi PON per una scuola più aperta, inclusiva e innovativa annunciati dalla Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. L’avviso è disponibile sul sito del Ministero.

“Investire 20 milioni di euro sulla formazione delle adulte e degli adulti, delle ragazze e dei ragazzi che sono usciti troppo presto dal sistema scolastico o che non hanno completato gli studi significa fare una scelta di campo importante - sottolinea Fedeli -. Significa dare davvero a tutte e tutti gli strumenti per affrontare un momento di crisi e di cambiamento come quello che viviamo. Significa dare a chi parte da una condizione di svantaggio gli strumenti per vivere una cittadinanza piena e non restare ai margini. Significa guardare al futuro, mettendo tutte e tutti nelle condizioni di partecipare al progresso del Paese. Anche per questo abbiamo deciso di raddoppiare lo stanziamento inizialmente annunciato, passando da 10 a 20 milioni di euro”.

Il bando contribuirà a far ottenere a molte e molti giovani adulti un titolo di studio e consentirà loro di avviarsi verso il mondo del lavoro anche attraverso percorsi di alternanza e orientamento, certificazione o aggiornamento delle competenze professionali. L’avviso si rivolge, in particolare, ad adulte e adulti e giovani adulte e adulti con particolare attenzione per i NEET, i drop-out, gli analfabeti di ritorno, cittadine e cittadini inoccupati e disoccupati, persone in condizione di svantaggio. Potranno presentare progetti i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti e le istituzioni scolastiche statali secondarie di primo e di secondo grado che hanno sedi di percorsi di secondo livello per l’istruzione degli adulti, comprese le sedi carcerarie collegate.

Potranno essere attivati percorsi di potenziamento delle competenze ai fini del conseguimento del titolo di studio conclusivo del primo ciclo o per il conseguimento di un diploma dell’istruzione tecnica, professionale e artistica. I progetti potranno riguardare anche percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana, percorsi per l’acquisizione di competenze linguistiche, di base o digitali. I progetti potranno essere inoltrati dal 7 marzo e fino al 2 maggio 2017.

domenica 21 maggio 2017 admin Informazioni No comments

ATTENZIONE – aggiornamento

Logo Caritas Bari BitontoProsegue la raccolta di generi alimentari ed indumenti per l’emergenza immigrati.

È importante che tutti seguano queste indicazioni per agevolare le operazioni di raccolta e smistamento:

A seguito di monitoraggio delle donazioni, si segnala che per chi volesse ancora donare che stiamo cercando esclusivamente i seguenti beni:

  • Intimo,
  • Ciabatte e Scarpe estive,
  • Pantaloni uomo in particolare,
  • Magliette estive uomo,
  • Spazzolini e materiali per igiene intima (salviette, a...
venerdì 19 maggio 2017 admin Comunicati No comments

COMUNICATO n. 332/ DIR

Bari, 17/05/2017

Ai docenti e agli studenti del Corso serale
Agli Uffici di segreteria
Al sito Web
e p.c. Al DSGA

Oggetto: Verifiche sommative di fine 3° trimestre.

Si comunica che le verifiche di valutazione sommativa di fine 3° trimestre si svolgeranno, per tutti i gruppi di livello, dal 22/05/2017 al 01/06/2017 secondo il calendario allegato.

Le prove di fine trimestre sono valide anche per certificare l’esito delle attività di recupero in itinere rivolte agli studen...

venerdì 28 aprile 2017 admin Informazioni No comments

COMUNICATO n. 302/DIR

Bari, 27/04/2017

Agli Alunni corsi diurno e serale
AL SITO WEB

Oggetto: Avviso esame ECDL CAD-2D.

ECDL CAD 2DSi comunica che, a partire dal 15/05/2017 ed entro il 31/05/2017, si svolgerà la fase di preparazione all’esame a conclusione del corso ECDL CAD-2D.

Tutti coloro che, pur non avendo frequentato il corso, fossero interessati a sostenere comunque l’esame di ECDL CAD-2D potranno prenotarsi previo pagamento della quota di € 150,00 relativa all’acquisto della SKILLS CARD (emessa ...

sabato 22 aprile 2017 admin Informazioni No comments

Lauree e diploma Roberto Tedesco

Cosa sono le due pergamene decorate di verde che spuntano da dietro al mio diploma di Maturità Tecnica Industriale conseguito sei anni e mezzo fa presso quello che — all’epoca — era l’ITIS Guglielmo Marconi?

Sono due Pergamene di Laurea, la seconda delle quali è arrivata proprio lo scorso giovedì.

Non sono qui per vantarmi, ma per dire a tutti gli Studenti che leggeranno queste mie parole di non lasciarsi convincere da chi potrebbe dire che “Al Marconi non vi danno la preparazione giusta per...

giovedì 13 aprile 2017 admin Informazioni No comments

Scuola banchi vuotiIl Comune di Bari rende noto sul proprio portale che anche l’IISS Marconi-Hack resterà chiuso nei giorni giovedì 11 e venerdì 12 maggio 2017 per limitare i disagi determinati dal blocco del traffico nelle zone del centro di Bari interessate dall’evento G7 Economia.

giovedì 13 aprile 2017 admin Informazioni No comments

Assolombarda lancia #ItaliaMeccatronica attraverso lo spot realizzato in collaborazione con Pubblicità Progresso per il cambio di paradigma del settore metalmeccanico. #spotandsocial

“Meccatronica, la meccanica del futuro.”

Leggi l’articolo competo sul sito di Pubblicità Progresso

lunedì 3 aprile 2017 admin Informazioni No comments

Per gli esperti l’incremento è dovuto alla necessità di ottenere un diploma per riqualificarsi. Con la crisi e la disoccupazione c’è chi ne approfitta per conquistare il “pezzo di carta”

Leggi tutto l’articolo su La Stampa online del 3 aprile 2017