Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la Privacy PolicyAcconsenti all'utilizzo di cookie di terze parti?

L’11/12/2013 ci siamo recati al Sacrario Militare di Bari, in rappresentanza del nostro Istituto, per commemorare i caduti della Divisione Acqui a Cefalonia il 24 settembre del 1943; furono trucidati dai tedeschi in esecuzioni di massa circa 12’000 uomini. Agli ultimi 3’000 fu fatto credere che sarebbero tornati in Italia su due navi, che, appena fuori al porto di Argostoli, furono fatte saltare. Il Mediterraneo è, ancora oggi, la loro tomba.

Erano ragazzi come noi!

“Decisero di non cedere le armi. Preferirono combattere e morire per la patria. Tennero fede al giuramento. La loro scelta consapevole fu il primo atto della Resistenza, di un’Italia libera dal fascismo. Decideste così, consapevolmente, il vostro destino. Dimostraste che la Patria non era morta, anzi con la vostra decisione ne riaffermaste l’esistenza. Su queste fondamenta risorse l’Italia.”
(Carlo Azeglio Ciampi, Cefalonia, 1 marzo 2001)

5^ SA

 

Al Sacrario Caduti d'oltremare Al Sacrario Caduti d'oltremare
Al Sacrario Caduti d'oltremare
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva